GRAZIELLA GARDINI CONSIGLIA: “Non è un cambio di stagione” di Martin Caparròs (Verdenero)

GRAZIELLA GARDINI* CONSIGLIA: “Non è un cambio di stagione” di Martin Caparròs (Verdenero)

cover_caparros_vn.jpg

Da alcuni anni, ogni mattina il mondo si sveglia sotto la minaccia di una nuova apocalisse. Per gli ecologisti è rappresentata dal cambiamento climatico. Governi, celebrità, organismi internazionali, grandi corporation, piccole ONG, si sono lanciate nella lotta contro il cambiamento. “Non è un cambio di stagione” è un viaggio in nove diversi paesi – Brasile, Nigeria, Niger, Marocco, Mongolia, Australia, Filippine, isole Marshall, Stati Uniti che stanno soffrendo maggiormente la minaccia climatica.

Ma è, soprattutto, una riflessione affilata, uno sguardo provocatorio sulle contraddizioni dell’ecologismo esasperato, dell’ambientalismo che si fa business, del principio che si fa moda. E il mondo degli “ecololò” che Caparrós smaschera con ironia e intelligenza ridando la parola agli ultimi della terra e accompagnandoci ai confini del mondo. E lo fa proponendo un genere misto, una cronaca che pensa, un saggio che racconta.

libro su disponibile Ibs
[*Direzione Sea Marconi Envirotech Italia]

“Imperativo energetico. di Hermann Scheer (Edizioni Ambiente)” di Vander Tumiatti

“Imperativo energetico. di Hermann Scheer (Edizioni Ambiente)” di Vander Tumiatti

Hermann Scheer (1944-2010), sociologo ed economista tedesco, membro del Bundestag, ha ricoperto il ruolo di Presidente di Eurosolar (Associazione europea per le energie rinnovabili), Direttore Generale del World Council for Renewable Energy, è stato il principale ispiratore della nascita dell’International Renewable Energy Agency ed è considerato il padre della legislazione tedesca sulle energie rinnovabili, a cui hanno in seguito fatto riferimento numerose altre nazioni.

Hermann Scheer è stata una delle poche menti veramente illuminate per tutto ciò che concerne le energie rinnovabili. Non solo era un esperto, ma anche un grande teorico. Naturalmente una persona dotata di una solida formazione come la sua in fatto di ambiente, soprattutto fornita di grande sensibilità, non poteva assumere su di sé l’imperativo categorico del Rinnovare senza una riflessione circa altre categorie fondamentali alla base del Rinnovare stesso, come il “Non sprecare”, l’Ottimizzare, il Massimizzare. Termini che se è vero che sentiamo sovente utilizzare dai manager e dagli allenatori sportivi, difficilmente avevano trovato accesso ad ambiti delicatissimi, come quelli dell’ambiente e dell’energia.

Due parole che ai nostri giorni significano che occorre essere seri e dire cose serie quando se ne parla, perché in ballo c’è il destino di tanti, forse di tutti! Il cambiamento, aveva sostenuto in più di qualche pubblica occasione Scheer, deve trovare una solida base nei nostri comportamenti quotidiani. Dunque occorre del metodo, e una metodologia altro non è che una serie di azioni virtuose strutturate per una finalità ben precisa che, se ripetute, portano verso risultati assolutamente positivi. “Eroe verde” com’è stato definito da alcuni, Hermann Sheer ha avuto un merito particolare, quello di procedere con determinazione nella realizzazione dei propri progetti finché essi non assumevano una dimensione tangibile. Uno di questi, il “Conto energia”, ha avuto un ruolo particolarmente importante nella diffusione delle energie rinnovabili nel suo Paese e nel mondo.
Tra i suoi scritti uno dei più largamente citati è “Il solare e l’economia globale” nel quale l’autore mette in guardia dalle discriminazioni sociali che potrebbero originare dal prosciugarsi delle fonti energetiche mondiali, tra classi dominanti con facile accesso all’energia e il resto dell’umanità condannata alla marginalità. Un processo che, secondo Sheer rischia di riproporre il tema della superiorità di alcune razze o nazioni sulle altre, fino ad una tragica riedizione del nazismo. Come si vede, i motivi d’interesse verso questo protagonista della scena verde mondiale non mancano. Recentemente mi è capitato di leggere un suo splendido libro, pubblicato pochi giorni prima della sua morte, edito dalle sempre più brave Edizioni Ambiente, dal titolo “Imperativo energetico. 100% rinnovabile ora! Come realizzare la completa riconversione del nostro sistema energetico”, con prefazione di Gianni Silvestrini.

In questo libro Hermann Scheer non si fa scrupoli nel dire la sua in maniera brusca, persino brutale. In estrema sintesi egli dice che bisogna rifondare la definizione stessa di energia e individuare, senza ulteriori perdite di tempo, percorsi alternativi in grado di trasformare l’attuale sistema di produzione in energia con fonti rinnovabili. Non c’è “domani”, né alcuno spazio per i “se” e per i “ma”, l’azione deve essere immediata. L’autore non si ferma a questa considerazione, ma scandaglia con grande profondità ed acume critico le ricadute politiche, sociali ed economiche del passaggio alle energie rinnovabili. Un’analisi critica che non tralascia di colpire anche molte organizzazioni ambientaliste le quali, secondo Scheer, sovente ostacolano il cambiamento.

In quest’opera vengono date anche ipotetiche soluzioni e tutta una serie di progetti, che a suo dire potrebbero, nel giro di pochissimo tempo, fornire a tutto il mondo energia inesauribile e favorire l’affermazione di un’economia eco/compatibile. Nel libro di Hermann Scheer si configura insomma il desiderio di dare urgentemente una risposta ai cambiamenti climatici, riducendo gli impatti ambientali e sociali legati alla produzione dei combustibili fossili e al nucleare. Un cambiamento che deve partire dal basso con un solo monito: Se non ora, quando?

Di Vander Tumiatti
Fondatore di Sea Marconi Technologies

(articolo apparso sul quotidiano “Il Paese Nuovo”)

Novità in libreria: “Un’eco di voci e risate” (Youcanprint) di Serena Simoncini

Novità in libreria:
“Un’eco di voci e risate” (Youcanprint) di Serena Simoncini

“L’insegnamento è la professione più bella del mondo”

15 anni di aneddoti legati all’applicazione delle Tecnologie nella scuola secondaria di 1° grado. Serena Simoncini, nata a Firenze il 22 Agosto 1951, ha insegnato Matematica e Scienze presso la Scuola Secondaria di 1° grado “Mazzini-Gamerra” di Livorno; attualmente svolge per il MIUR incarichi di tutor ed esperta formatrice nell’area scientifica e delle innovazioni tecnologiche. Scrive e gestisce corsi on line per bambini, ragazzi e docenti.

“Un’eco di voci e risate” di Serena Simoncini è una raccolta di racconti e allo stesso tempo molto di più, il testo infatti inaugura un modo nuovo e emozionante di fare didattica trasmettendo insegnamenti, emozioni, ricordi. Serena Simoncini ha un’esperienza pluridecennale come insegnante di Matematica e Scienze nella scuola media. L’idea dell’autrice è semplice e allo stesso tempo geniale, scrivere in racconti le proprie esperienze di insegnamento legate all’utilizzo delle nuove tecnologie e trasmettere i concetti fondamentali delle stesse.

Così un libro già divertente e piacevole diventa uno strumento utile per approcciare un mondo che, non solo a chi frequenta le scuole di base, può presentarsi come ostico. Basti pensare all’attuale dibattito sull’analfabetismo digitale e alla necessità, da parte di chiunque, di apprendere – anche in ritardo – l’utilizzo del computer per potersi relazionare con tutti gli ambiti della società, compresa la pubblica amministrazione.

La suddivisione in schede dei racconti, per gli insegnanti, permette di prendere spunto dall’esperienza contenuta nel testo per replicare esperimenti analoghi nelle proprie classi di insegnamento. Vengono affrontati gli aspetti più comuni della didattica, uniti a quelli dell’e-learning, per passare a vere e proprio considerazioni sulla natura dell’insegnamento digitale, dei nuovi strumenti didattici e del rapporto tra la rete e gli studenti. Un libro che è un invito rivolto agli insegnanti per rimettersi sempre in gioco e una lezione dedicata a chi crede che nella vita arriva un momento in cui non c’è più nulla da imparare.

Serena Simoncini, con “Un’eco di voci e risate”, ci insegna che l’apprendimento è una caratteristica costante della vita, c’è sempre da imparare, non soltanto sui banchi di scuola, ma anche al di qua della cattedra.

Leggete un’anteprima del libro sul sito di Youcanprint
Info: Youcanprint

Novità in libreria: “Il silenzio di Patrick” (Youcanprint) di Josy Montè

Novità in libreria:
“Il silenzio di Patrick” (Youcanprint) di Josy Montè

“Il silenzio di Patrick” è il racconto, scritto in prima persona da una madre, che parla della sua esperienza con il figlio, affetto da dislessia. Il testo è una testimonianza viva, reale, partecipata e allo stesso tempo un messaggio di speranza per tutti i familiari e i genitori di figli che vivono una situazione analoga. Fin dalla sua nascita seguiamo Patrick, il giovane protagonista, con lo sguardo attento di sua madre. Patrick secondo il responso dato alla nascita dai medici non potrà condurre una vita come quella dei suoi coetanei per via di una cardiopatia. Questo annuncio, anziché abbattere i genitori di Patrick, fa nascere in loro il desiderio di fare tutto il possibile perché il loro amato figlio abbia un futuro degno di questo nome. Inizia così per i suoi genitori un percorso che li porterà a farlo visitare da diversi medici e a modificare per amore i ritmi della loro esistenza.
“Il silenzio di Patrick” è una storia che cattura per la sua autenticità e per la capacità dell’autrice di rendere il lettore partecipe, fin dalle prime pagine, delle vicende, delle speranze e di tutto il mondo d’amore che circonda il piccolo Patrick. Ma questa storia è molto di più, l’esempio di Patrick infatti è tale per tutti coloro che, almeno una volta nella vita, si sono sentiti scoraggiati, circondati dalle avversità, e non si sono sentiti in grado di affrontare i problemi di ogni giorno.
Gli anni della crescita, l’apprendimento, i primi giochi, i contrasti con una società che a ogni livello non è aperta all’inclusione ma sembra nata per escludere e creare steccati; leggiamo tutto questo e arriviamo a viverlo in prima persona, in un romanzo-testimonianza che si legge tutto d’un fiato lasciandoci un forte messaggio di speranza. Oltrepassare l’idea di normalità – questo è l’invito al lettore – confrontandosi con un bambino che ha dovuto impiegare una capacità d’animo non comune nemmeno agli adulti. Ogni obiettivo raggiunto sembra essere il preludio a una nuova sfida, ma Patrick affronta ciò con una caparbietà e una tenacia incredibili, e nel lettore cresce sempre di più l’empatia per il protagonista e per la sua famiglia.
Seguire il percorso di crescita di Patrick, fino all’ingresso nel mondo dell’istruzione e alla lotta contro i pregiudizi sociali, è una lezione di vita. Lo spirito combattivo e la forza della madre apriranno a Patrick le porte di un mondo, che vedrà genitori e figlio pronti a nuove sfide, forti dell’amore e della costanza dimostrati giorno per giorno.

Il silenzio di Patrick, Josy Monte’, p. 56, 9788866183471

Leggete un’anteprima del romanzo sul sito di Youcanprint
Info: Youcanprint

Novità in libreria: “Opera Platonica” (Youcanprint) di Massimo Oink

Novità in libreria:
“Opera Platonica” (Youcanprint) di Massimo Oink

Giulia e Massimo. Una vita di coppia forse non propriamente entusiasmante, un passato di incomprensioni alle spalle, e desideri di vita assolutamente contrapposti. Giulia e Massimo e la loro vita di ogni giorno, in tutto simile alla nostra: lavoro, spesa, cena con gli amici. Vita quotidiana, a volte grigia e ciclica, prevedibile, senza un futuro. Poi accade qualcosa di inaspettato!
Una storia terrificante che nessuno potrebbe mai immaginare: si comincia dall’elettricità che manca, poi l’acqua, poi il cibo. E quando vengono a mancare le basi stesse della civiltà, che succede? Che i tratti sopiti del nostro carattere escono prepotentemente alla ribalta, ed allora nulla è più come prima. In un mondo di lupi ci comporteremmo come tali, o saremmo in grado di elevarci?
Un romanzo da leggere come spunto per organizzarsi e sapere come sopravvivere a situazioni estreme come cataclismi o conflitti globali. Una lettura incalzante, una critica sociale sferzante che vuol mandare un messaggio alla società di oggi: il Caos e la Morte non sono così remoti, e sarebbe opportuno immaginare e progettare la nostra salvezza ora, se vorremo raggiungerla quando verrà il momento, perché un orrore di questo tipo potrebbe accadere anche domani.

Opera Platonica, Massimo Oink, p. 158, 9788866184072

Leggi un’anteprima del romanzo sul sito di Youcanprint.it
Info: Youcanprint.it